Bridget Jones: Un amore di ragazzo di Helen Fielding

Bridget Jones: un amore di ragazzo, ovvero: quando dall’età della ragione alla senilità il passo è breve. Sono passati dieci anni, Bridget ha cinquantuno anni, due figli…ed è vedova.

RECENSIONE

tempo lettura
Bridget Jones recensione

Bridget Jones, ovvero: quando dall’età della ragione alla senilità il passo è breve.

Tra tutte le trame alle quali poteva pensare Helen Fielding, questa è proprio la più insulsa. Poteva riprendere la storia dal punto esatto in cui l’aveva lasciata. Poteva farci sbracare dalle risate con una Bridget alle prese con il nuovo ruolo di moglie e poi, con quello di futura madre. Ecco, sì, poteva concludere il libro che una Bridget neo-mamma. Sarebbe stato godibile e sensato.

E invece no. No. No no. E che scherziamo! Non l’ha avuto lei, il lieto fine (ha divorziato dal marito), perché mai dovrebbe averlo anche Bridget. Perciò, mettiamo un briciolo di dramma in una trama che annega nella chick-lit più irritante. Facciamo diventare Bridget una vedova, cougar, arrapata, fashion-victim, social-addicted, insipida, stupida cinquantenne. Tutto fa introiti, chissene di Bridget!

Sono trascorsi 10 anni da quando Marc Darcy chiede a Bridget di sposarlo. Ma, il loro, è un lieto fine piuttosto breve: il tempo di sposarsi ed avere due figli, e paff! Marc muore, lasciando una vedova inconsolabile, ma con soldi a sufficienza per vivere serenamente fino alla fine dei suoi giorni. La Bridget che ritroviamo è vedova da quasi cinque anni. Ha una donna delle pulizie e una baby-sitter. Non ha niente da fare tutto il giorno, eppure riesce a portare i figli a scuola in ritardo, dimenticando anche di andare a prenderli.

In cinquant’anni non è riuscita a perdere un etto ed ecco che, improvvisamente, perde 15 kg in poche settimane. Uno si aspetta che una tale forza di volontà, una tale fermezza si riflettano in ogni aspetto della sua vita. E invece no. Anziché impegnarsi a scrivere la sceneggiatura per il tal film, passa le giornate a controllare il numero di followers su Twitter, e a pensare al sesso che farà, ha fatto o rifarà. Il massimo della serata, ovviamente, se non si conclude sotto le lenzuola, è tornarsene a casa sfondati d’alcol. La baby-sitter non è disponibile? Non c’è problema: la persona più affidabile alla quale affidare i propri figli è chiaramente Daniel Clever. Ma vi pare?

Chi è questa Bridget? Difficile immedesimarsi in questa donna che pare aver perso completamente la bussola. Quelle cose che la rendevano simpatica a trent’anni, a cinquantuno vengono a noia. Ciò che un tempo faceva ridere, ora è solo irritante. L’evoluzione del personaggio è completamente assente. Be’, in tutto il libro, non c’è un solo personaggio che, in dieci anni, maturi di un grammo. Sembrano tutti pateticamente e apaticamente congelati in uno stato di adolescenza disfunzionale irreversibile.

Personalmente, non ci trovo nulla di divertente. Tutt’altro! Trovo umiliante che una donna venga ritratta in questo modo. È più forte di me. Non riesco a farmene una ragione. È davvero questo che vogliamo essere? È davvero così che vogliamo essere rappresentate? Donne che non riescono ad immaginare una vita senza un uomo che le mantenga e che si sentono realizzate ed appagate solo se sotto le coperte c’è un buon movimento? La vita ha ben altre sfumature oltre al grigio, al rosso e al nero, e molto più brillanti.

2 comments on “Bridget Jones: Un amore di ragazzo di Helen FieldingAdd yours →

  1. Ragione per la quale ho dirottato i soldi sul film scritto dalla grandissima Emma Thompson in cui Bridget è maturata ed ha avuto il meritato lieto fine. Al diavolo il libro. Questa è sicuramente una delle volte in cui il film supera il libro.

    1. Ciao Patrizia, grazie per le tue parole: sono un gran conforto!
      Assolutamente sì, il film è mille volte meglio del libro. Adoro Emma Thompson <3, sapevo che non mi avrebbe delusa. Quanto a Helen Fielding...non credo proprio che leggerò altri suoi libri.

      Per caso hai visto Lettere da Berlino? C’è una Emma Thompson superlativa – come sempre!
      Buona serata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.